11 dicembre 2010

"Dresden Plate" Quillow (TUTORIAL)

                         Il cuscino che vi ho mostrato fra i progetti di Natale è terminato!
L'ho cucito per confezionare un quillow veloce, utilizzando un plaid di lana già pronto.

Il trapunto è stato fatto a mano e non mi sono di certo sprecata a fare un punto piccolissimo.
(Il tempo è poco e Natale sta arrivando).














Eccovi il tutorial del quillow.
Potete semplicemente visionarlo, oppure anche scaricarlo cliccando sulla scritta "download"
nel documento qui sotto.

Post Scriptum Se vi fa piacere, fatemi sapere se realizzerete un quillow così che io possa vederlo e aggiungere il vostro link qui sotto! Mem ne ha già confezionati due davvero incantevoli!!


13 commenti:

  1. Davvero bello .!!!! E poi dalla coperta delle casette si capisce vero che mi piaccioni i piatti di Dresda?....
    Sono adorabili e danno un tocco di antico alle cose..almeno e' cosi' che lo vedo io!
    Il tuo e' adorabile!
    bacioni vania

    RispondiElimina
  2. E' venuto proprio bello. Mi piace tanto il disegno che hai usato per il trapunto.

    Ma lo sai che proprio in questi giorni ho fatto anch'io il mio primo piatto??? Di certo non sarà l'ultimo: mi piacciono i piatti di dresden, hanno un certo fascino.

    Per quanto riguarda il tuo tutorial...io l'ho già utilizzato tempo fa ed è gelosamente salvato nel mio pc :))))

    Baci
    Laura

    RispondiElimina
  3. Bellissimo e scaricato ;-) mitica baciiiiiiii
    p.s. prima o poi magari riesco anche a farne uno :-D

    RispondiElimina
  4. Brava! Il tuo dresden è bello e il progetto pure, mi sa che un pò tutte siamo affascinate da questo tipo di lavoro, quanto prima sul mio blog metterò le foto di un...plate particolare...a presto e buon lavoro!

    RispondiElimina
  5. Ragazza mia, ma sei un fulmine!!! E mi piace tanto l'idea della copertina da divano nascosta e ordinata dentro il cuscino :))) Un bacio. Lina

    RispondiElimina
  6. A chi non piace il "Dresden Plate"?
    Vania, sono talmente tante le versioni possibili che c'è spazio di sicuro anche per un genere dal sapore antico.
    Il mio, quello del cuscino lo è senz'altro, con tutti quei ghirigori del trapunto... la stoffa rossa del voilant...

    Mem, davvero anche tu col piatto??
    si è vero che hanno un certo fascino!
    Sai che quella volta non avevo visto i tuoi meravigliosi quillow?!!!

    Sabri, devi assolutamente farlo anche tu, la soddisfazione è assicurata!!!

    Nella, mi incuriosisce il tuo plate particolare: non vedo l'ora di poterlo ammirare!!

    Lina, SEMBRO un fulmine!! :)
    Vero: anche a me piace tanto questo "cuscino che si trasforma in coperta da divano"...
    pensa, due o più persone sul divano che possono avere subito la loro copertina appena hanno un pò di freddo!
    :)))

    Grazie a tutte ragazze,
    un abbraccio ad ognuna!

    RispondiElimina
  7. Ciao Lory! Grazie del commento :) Che bello il piatto di Dresda ma la mia preferenza va sicuramente alle stelle anche a me piacciono da morire ma non ho ancora provato a farle a macchina.
    Un augurio anche a te per tutto ciò che vuoi e una carezzina a Pupa
    Grazie
    Micky

    RispondiElimina
  8. Ciao Micky!!... sono felice di sentirti!
    grazie!
    Pupa ricambia la carezzina :)
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  9. Ebbene, anche a me piace molto il dresden plate!!
    Avrei solo una curiosità: come l'hai applicato allo sfondo? Con un punto nascosto?
    Un abbraccio...

    RispondiElimina
  10. Maria Teresa :)
    si, si... l'ho applicato sul tessuto di fondo con punto nascosto/invisibile /materasso!!

    (ancora non sò quale sia il suo vero nome).

    grazie, un abbraccio a te.

    RispondiElimina
  11. ah, dimenticavo... sai che questo è il mio primo Dresden Plate, ma in effetti avevo iniziato a farne uno poco tempo fà, per prova, con tessuti non americani.
    bene, a forza di prenderci gusto a fare i petali, scegliere i colori, ecc, quando poi ho terminato tutto (tranne il centro) e ho iniziato a stirarlo, mi sono accorta che c'era abbondanza di stoffa: non stava "plate", così ho deciso di rimpicciolire la larghezza dei petali, ripassando le cuciture... L'avevo disegnato io a 12 petali e mi è venuto il dubbio che forse avevo sbagliato i margini.
    stiro... vado per applicare e cercando con lo sguardo le linee di unione tra i petali per centrare bene il tutto e posizionare in modo simmetrico i tre quadrati sovrapposti che formano la figura... mi accorgo che c'è un petalo in più!! 13 al posto di 12.
    Non si poteva più scucire, ovviamente.
    E' il dresden rosa che ho usato per la cover del tutorial.

    RispondiElimina
  12. Ahahahahahhaha!!
    Un Dresden Plate con 13 petali!! Sei una forza!!

    Avevo immaginato che avessi usato un punto nascosto/invisibile/materasso...ma volevo una conferma visto che ho aperto le foto e non c'è ombra di cucitura!! La tua applicazione sembra appoggiata sullo sfondo...una delizia!
    Ho molto da imparare da te...

    RispondiElimina
  13. si, immagina la mia faccia quando ho scoperto i 13 petali... cuciti per sempre!!

    Ehm, il punto in questione mi piace da effettuare quando ci sono lavori che lo richiedono: continua a sembrarmi una piccola magia.
    Perciò prima d'incominciare (sai che parlo con le cose, no?), dico: "adesso ti farò qualcosa di cui non ti accorgerai neppure!" :)

    Anch'io ho da imparare molto da te, e se sono giunta fin qui è anche merito tuo...

    un bacio

    RispondiElimina